COSTRUIAMO UNA MANGIATOIA

per gli uccelli del nostro giardino!

Con l’arrivo delle stagioni più fredde inizia anche il periodo delle migrazioni per molti uccelli. Infatti, tutte le specie che trascorrono l’estate nella zone del Nord Europa o semplicemente nelle aree montane, in questo periodo si spostano più a sud alla ricerca di un clima più favorevole e di cibo.
Tra questi troviamo il Pettirosso. Un piccolo passeriforme che in questo periodo vediamo volare tra case e giardini annunciando l’arrivo della stagione fredda. Il Pettirosso , infatti, trascorre l’estate tra i boschi montani/collinari ma in autunno ed inverno si rifugia spesso tra le siepi delle nostre città.

Uno dei problemi della stagione fredda è la scarsa disponibilità di cibo. Gli uccelli generalmente si nutrono di bacche, frutti, semi, insetti, piccoli invertebrati, risorse che in inverno diventano difficili da trovare. Per questo noi possiamo aiutare gli uccelli a superare questo difficile periodo costruendo delle semplici mangiatoie.

Cosa mettere nelle mangiatoie?

Gli uccelli si cibano principalmente di semi come semi di girasole, di canapa ma anche frutta secca (noccioline, arachidi, uvetta, noci), frutta fresca e briciole di panificati (non deve essere l’unico alimento)

Tuttavia ogni specie ha le sue preferenze.

  • semi di canapa → Fringuello, Verdone, Cardellino
  • semi di girasole → Fringuello, Verdone, Cincie
  • briciole di panificati → Pettirosso, Merlo, Cincie, Fringuello e Capinera
  • frutta secca → Cincie, Luccherino, Verdone
  • frutta Fresca → Merlo, Tordo, Capinera, Pettirosso, Cinciarella

Come costruire una mangiatoia per uccelli?

In molti negozi si possono trovare delle casette per uccelli già pronte, ma vediamo insieme come costruire alcune mangiatoie utilizzando materiali di riciclo.

MANGIATOIA VASETTO

Materiale: vasetto yogurt vuoto, spago, forbice, ciotola, strutto, semi vari.

Prendere il vasetto di yogurt e fare un foro sul fondo.
Tagliare un pezzo di spago abbastanza lungo (che servirà ad appendere il vasetto), infilare nel foro appena fatto lo spago e fare un grosso nodo dalla parte interna. decorare a piacere con foglie secche la parte esterna.
Preparare ora i semi: lasciare ammorbidire lo strutto a temperatura ambiente o a bagnomaria. Quando sarà morbido metterlo in una ciotola e aggiungere i semi mescolando il tutto fino a formare un composto compatto. Riempire con l’impasto i vasetti e mettere a raffreddare in frigo per alcune ore. 

MANGIATOIA COLLANA

Materiale: arachidi con la buccia, ago, filo.

Utilizzare un pezzo di filo robusto ed un ago per cucire non troppo piccolo. Infilare le arachidi una dopo l’altra come a formare una collana di perle.
Per bloccare le arachidi fare un nodo ad un’estremità, mentre dall’altro lato fare un asola per appendere la collana ad un ramo.

MANGIATOIA ARANCIA

Materiale: mezza arancia, spago, semi vari.

Questa è una delle mangiatoie più semplici e la più naturale possibile.
Partire da mezza arancia e svuotare il contenuto facendo semplicemente una spremuta, attenzione a non rompere la buccia. Questo sarà il contenitore per il semi.
Fare due fori laterali  aiutandosi con uno stuzzicadenti, infilare lo spago e fare due grossi nodi. Riempire di semi a piacere ed appendere la mangiatoia ad un ramo.

MANGIATOIA BOTTIGLIA

Materiale: bottiglia di plastica da 0,5l, forbici, 2 cucchiai di legno, taglierino, semi vari.

Iniziare dalla bottiglia facendo un foro del diametro del manico del cucchiaio di legno, a circa 5 cm dal fondo. Sul lato opposto del foro tagliare una mezzaluna. Questi serviranno ad inserire il cucchiaio: dal lato della mezzaluna, il manico, mentre nel foro opposto, inserire il mestolo facendo entrare leggermente nella bottiglia la parte a cucchiaio, in modo che raccolga i semi che fuoriescono.
Riempire la bottiglia con i semi e chiudere con il tappo. Legare al collo della bottiglia uno spago per appendere la mangiatoia ad un ramo.

Si possono realizzare anche mangiatoie con più postazioni ristoro prendendo bottiglie più grandi e più mestoli.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.